ETNOMUSICOLOGIA
Stampa
Anno immatricolazione
2014/2015
Anno offerta
2016/2017
Normativa
DM270
SSD
L-ART/08 (ETNOMUSICOLOGIA)
Dipartimento
DIPARTIMENTO DI MUSICOLOGIA E BENI CULTURALI
Corso di studio
MUSICOLOGIA
Curriculum
PERCORSO COMUNE
Anno di corso
Periodo didattico
Primo Semestre (26/09/2016 - 20/01/2017)
Crediti
6
Ore
36 ore di attività frontale
Lingua insegnamento
italiano
Tipo esame
ORALE
Docente
CARUSO FULVIA (titolare) - 6 CFU
Prerequisiti
no
Obiettivi formativi
Introduce alle tematiche di base dell’etnomusicologia (definizione del campo di studio, metodi e tecniche di ricerca e analisi), seguendo l’evolversi della disciplina e le trasformazioni del campo di indagine. Propone un approccio antropologico all’evento musicale attraverso l’approfondimento delle molteplici relazioni tra la musica e altri aspetti della cultura. Avvalendosi di materiali sonori e audiovisivi, fornisce la conoscenza di forme sonore e strumenti musicali di diversa provenienza geografica e culturale e veicola concezioni, teorie e valori estetici della musica nelle diverse società.
Programma e contenuti
Dalla musicologia comparata all’antropologia del suono. Il corso intende:
• introdurre lo studente alle tematiche di base dell’etnomusicologia e dell’antropologia musicale (definizione del campo di studio, metodi e tecniche di ricerca e analisi), seguendo l’evolversi della disciplina e le trasformazioni del campo di indagine;
• fornire una conoscenza di forme sonore e strumenti musicali di diversa provenienza geografica, attraverso il confronto con materiali sonori e audiovisivi;
• sviluppare abilità pratiche di trascrizione e analisi.
Metodi didattici
Lezioni frontali, esercitazioni, attività̀ seminariali.
Testi di riferimento
M. AGAMENNONE (a cura), Polifonie, Venezia, il Cardo, 1996, cap. 8, pp. 239-273.
M. AGAMENNONE – S. FACCI – G. GIURIATI – F. GIANNATTASIO, Grammatica della musica etnica, Roma, Bulzoni, 1991, capp. 2, 4, 5 (solo pp. 145-175) e 7.
G. DOURNON, Strumenti musicali del mondo: proliferazioni e sistemi, in Enciclopedia della musica Einaudi, volume V, 2005, pp. 842-873 (lo studio del presente saggio sarà̀ affiancato dall’ascolto del cd Instruments de musique du monde, Parigi, CNRS, con allegato libretto).
F. GIANNATTASIO, Il concetto di musica in una prospettiva culturale, in Enciclopedia della musica Einaudi, volume III, 2003, pp. 978-1004.
F. GIANNATTASIO, Il concetto di musica. Contributi e prospettive della ricerca etnomusicologica, Roma, Bulzoni, 1998, cap. 9: “L’improvvisazione”, pp. 165-206.
K. KAUFMAN SHELEMAY, 2006, Soundscape. Exploring music in a changing world, Norton & Co, cap. 4.
J.-J. NATTIEZ, Etnomusicologia, in Enciclopedia della musica Einaudi, volume II, 2002, pp. 677-693.
R. PELINSKI, Etnomusicologia nell’epoca postmoderna, in Enciclopedia della musica Einaudi, volume II, 2002, pp. 695-717
UN TESTO A SCELTA TRA:
S. FACCI, “Funziona?”. Valori e usi della musica nella contemporaneità, in L’etnomusicologia e le musiche contemporaneea cura di Francesco Giannattasio e Serena Facci, Fondazione G. Cini, Venezia, 2009, (http://old.cini.it/it/pubblication/page/101)
F. GIANNATTASIO, Etnomusicologia, musica popolare e folk revival in Italia”, “AAA-TAC. Acoustical Arts and Artifacts. Techonology, Aesthetics, Communication”, 8, 2011, pp. 65-85.
G. GIURIATI, Confrontarsi con le trasformazioni di contesti e repertori, in L’etnomusicologia italiana a sessanta anni dalla nascita del CNSMP (1948-2008), Roma, Accademia Nazionale di S. Cecilia, 2013, pp. 11-28.
L. Leante, L'incontro tra popular music e tradizione indiana: processi e modalità di appropriazione, in Etnomusicologia e studi di popular music: quale possibile convergenza? Fondazione G. Cini, Venezia 2007 (http://old.cini.it/it/publication/detail/4/id/22).
R. Widdes, Musical Structure, Performance and Meaning: The Case of a Stick-Dance from Nepal, in Ethnomusicology Forum, Vol. 15 n° 2 (2006), pp. 179-213
Modalità verifica apprendimento
Colloquio orale con presentazione di una trascrizione musicale concordata con la docente.
Altre informazioni
Gli studenti non frequentanti, oltre al programma di base, dovranno portare all’esame tutti gli articoli a scelta per i non frequentanti e altri tre articoli o capitoli di volume da concordare con la docente.
Gli studenti sono caldamente invitati a frequentare le ore di tutorato di Etnomusicologia.