Seminario di Formazione per ISF "Legislazione Farmaceutica"
Il 21 ottobre prossimo si terrà a Pavia, presso l'Aula Magna dell'Università, un Seminario formativo sulla Legislazione Farmaceutica rivolto agli Informatori Scientifici del Farmaco. Obiettivo dell'iniziativa è quello di fornire una sintetica visione d'insieme del complesso quadro normativo, ormai di portata internazionale, che regola le varie tappe della vita di un farmaco, dalla sua scoperta alle prove tossicologiche e cliniche a cui viene sottoposto, dalla produzione alla commercializzazione, da come viene classificato ai fini della fornitura e del rimborso all'informazione scientifica ed alla farmacovigilanza. La manifestazione, organizzata dalla Farmindustria, l'associazione che riunisce le aziende farmaceutiche operanti in Italia, e l'AIISF, l'associazione italiana degli Informatori Scientifici del Farmaco, con il supporto dell'Università di Pavia, è la prima di una serie di analoghe iniziative finalizzate all'approfondimento di temi di grande interesse e utilità per il settore farmaceutico.Torna in alto

Convegno Modelli statistici per le Applicazioni di Data Mining Pavia, 25-26 ottobre 2000
Il gruppo di ricerca Baystat della Facoltà di Economia dell'Università di Pavia collabora con SAS Institute, la Nunatac s.r.l. e la Microsoft Research all'organizzazione del convegno Modelli statistici per le Applicazioni di Data Mining Pavia, 25-26 ottobre 2000 Collegio Ghislieri,
Piazza Ghislieri 3.
La crescente disponibilità di dati, in particolare provenienti dalle reti Intranet ed Internet, ha evidenziato la necessità di disporre di strumenti adeguati per la loro analisi. La statistica applicata e il data mining si propongono come strumenti privilegiati per estrarre informazioni da questi dati. Il convegno sarà articolato in tutorial tenuti da esperti di livello internazionale del settore e casi illustrati da esperti di qualificate aziende Italiane. Inoltre, presenterà lo stato dell'arte per quanto riguarda le tecniche di analisi e sarà occasione di incontro tra il mondo imprenditoriale e quello accademico. Particolare attenzione verrà posta alle tematiche del Customer Relationship Management (CRM) per la classificazione dei comportamenti dei clienti e del Web Mining per il commercio elettronico. Per maggiori informazioni consultare il sito http://www.baystat.it/pv2000/indice.htm o mandare una e-mail all'att. del Prof. Paolo Giudici dell'Università di Pavia a info@baystat.it Torna in alto

Cerimonia per il conferimento della Laurea Honoris Causa in Filosofia Prof. Jacques Le Goff Avv. Gerardo Marotta
Mercoledì 25 ottobre alle ore 10.30 il Magnifico Rettore dell'Università degli Studi di Pavia Prof. Roberto Schmid e il Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia Prof. Ettore Cau consegneranno la Laurea Honoris Causa in filosofia al Professor Jacques Le Goff e all'Avvocato Gerardo Marotta. Il programma avrà il seguente svolgimento: ingresso del Corteo Accademico, Saluto del Magnifico Rettore Prof. Roberto Schmid, Laudatio del Prof. Jacques Le Goff da parte del Prof. Mario Vegetti.
Lettura della motivazione e consegna del diploma, del tocco e della medaglia teresiana a Jacques Le Goff.
Laudatio dell'Avv. Gerardo Marotta da parte del Prof. Gianni Francioni.
Lettura della motivazione e consegna del diploma, del tocco e della medaglia teresiana a Gerardo Marotta.
Lectio Doctoralis del Prof. Jacques Le Goff: "Histoire et mémoire".
Lectio Doctoralis dell'Avv. Gerardo Marotta: "Ideali umanistici nella Rivoluzione Napoletana del 1799".Torna in alto

Cerimonia di apertura della quinta edizione del Master in International Finance
Lunedì 16 ottobre alle ore 17.30 si terrà presso la sala degli Affreschi dell'Almo Collegio Borromeo in Pavia la cerimonia di apertura della quinta edizione del Master in International Finance, organizzato dal Consorzio Pavese per Studi post-Universitari nell'Area Economico Aziendale dell'Università di Pavia e dell'Almo Collegio Borromeo. Il Master, diretto dal Prof. Dario Velo, Preside della Facoltà di Economia, rappresenta un programma facoltativo di eccellenza a livello europeo e porta tutti gli anni a Pavia venti tra i migliori studenti delle principali Università italiane, selezionati tra centinaia di domande di ammissione, per un progetto altamente intensivo e qualificato di formazione nel campo della Finanza. Il Master ha dimostrato in questi anni di essere un efficace ponte tra l'Università di Pavia e le società finanziarie più importanti a livello italiano e internazionale, fra le quali si annoverano Fideuram Capital, Lehman Brothers, Credit Suisse First Boston, Mediosim, Intermonte Securities, Goldman Sachs, Nomura, Paribas, Dresdner Kleinwort Benson, Bear Sterns, CAI Chevreux, Salomon Smith Barney, Abn Amro, la Banca Regionale Europea, la Banca Popolare di Milano, il Gruppo Monte dei Paschi Asset Management. Gli studenti che hanno partecipato alle precedenti edizioni hanno tutti trovato un ottimo collocamento sul mercato del lavoro. Quest'anno il Master sarà inaugurato con la lezione magistrale del Prof. Antonio Martino, professore ordinario di Economia politica presso l'Università LUISS Guido Carli di Roma, deputato al Parlamento Europeo e già Ministro degli Esteri nel Governo Berlusconi. Il Prof. Martino è un esponente tra i più noti del panorama accademico e politico sia a livello italiano che internazionale. La sua attività scientifica è testimoniata dalle numerose monografie e pubblicazioni prodotte, diffuse sia in Italia che all'estero attraverso le più importanti riviste del settore e dalla partecipazione ad importanti comitati scientifici e di consigli direttivi di Fondazioni e Istituti in numerosi paesi. Molto intensa e altrettanto nota è la sua attività pubblicistica, testimoniata dalle collaborazioni a quotidiani e periodici italiani ed esteri. In ambito politico, il prof. Martino è stato tra i fondatori di Forza Italia, di cui è uno dei maggiori esponenti; ha ricoperto la carica di Ministro degli Esteri nel Governo Berlusconi ed è stato eletto al Parlamento Europeo sia nelle elezioni del 1994 che in quelle del 1996.Torna in alto

Borsa di ricerca sul tema: "Disturbi del comportamento alimentare nell'adolescenza"
E' aperto il concorso per il conferimento di N° 1 borsa di ricerca, ai sensi dell'Art.4, comma 3, dello Statuto dell'Università degli Studi di Pavia. La borsa è riservata a cittadini italiani o stranieri in possesso di laurea o diploma universitario o titolo di studio riconosciuto equivalente, che svolgeranno attività di ricerca presso l'Università degli Studi di Pavia, Dipartimento di Scienze Sanitarie Applicate e Psicocomportamentali. N° 1 borsa di Ricerca della durata di 12 mesi, dell'importo di £.25.000.000 (venticinquemilioni) annui lordi, per attività di ricerca sul tema: "Disturbi del comportamento alimentare nell'adolescenza". Referente: Prof.ssa Alessandra Marinoni tel. 0382/507534 marinoni@unipv.it
L'importo della borsa sarà corrisposto in rate bimestrali posticipate previa acquisizione della documentazione di svolgimento della ricerca. Le domande di partecipazione al concorso dovranno essere indirizzate al Direttore del Dipartimento di Scienze Sanitarie Applicate e Psicocomportamentali - Via Bassi, 21 27100 Pavia entro il giorno 16 ottobre 2000 indicando oltre al recapito, la data, il luogo di nascita, la residenza, il numero di codice fiscale, il numero telefonico e fax, eventuale e-mail e un breve curriculum. La Commissione giudicatrice presieduta dal titolare del fondo di ricerca e composta da due membri designati dal consiglio del Dipartimento di Scienze Sanitarie Applicate e Psicocomportamentali, valuterà il curriculum e i titoli dei candidati, nonché attribuirà la borsa, con giudizio insindacabile, al candidato collocato primo nella graduatoria degli idonei. La borsa del presente bando è incompatibile con borse similari e comunque non può essere cumulata con qualsiasi altra borsa. Lo svolgimento dell'attività di ricerca non dà luogo ad alcun rapporto di lavoro comunque inteso. La borse è tassata ai sensi dell'Art.47, lett.g., del D.P.R. 917/86. La borsa è erogata al netto del costo di adeguata polizza di copertura e assicurativa. Il borsista dovrà, al termine della durata della borsa, trasmettere all'Amministrazione universitaria una relazione particolareggiata dell'attività svolta, munita dal visto del Professore o Ricercatore che avrà seguito l'attività del borsista e del titolare del fondo di ricerca su cui graveranno le borse, ove distinti. Il bando di concorso sarà affisso all'albo del Rettorato per 20 giorni ai fini di pubblicità legale ed a quelli dei Dipartimenti e degli Istituti per scopi di ulteriore migliore informazione degli interessati. Torna in alto

Proposte concrete per la scuola di specializzazione per l'insegnamento secondari
La notizia è attesa da tempo sia dagli specializzandi della Scuola Superiore per l'Insegnamento Secondario sia dai docenti della Scuola. Viene introdotta una nuova forma di abilitazione alla docenza di matrice universitaria che supera l'obsoleto sistema dei concorsi e riconosce valore di prova concorsuale all'esame finale delle scuole di Specializzazione all'Insegnamento Secondario per l'inserimento nelle graduatorie permanenti. E' stato approvato in data 26 settembre 2000 l'articolo 15 del collegato alla Finanziaria che dà direttive precise sulla prova finale con valore concorsuale in attesa di conoscere i programmi e le commissioni.Torna in alto

Facilitazioni Teatro Fraschini
Nell'ambito della Commissione paritetica Università-Teatro Fraschini istituita con apposita convenzione tra i due Enti, oltre agli sconti per gli studenti universitari, si è ottenuta l'estensione al Personale docente, tecnico e d amministrativo delle seguenti facilitazioni, che si spera di poter incrementare in futuro. Per tutti gi spettacoli della Stagione: - riduzione del 10% sul costo del biglietto intero ( esclusi il 4° e il 5° ordine di posti) - riduzione del 5% sugli abbonamenti, escluso il 4° ordine di posti. Tali riduzioni sono da far valere SOLO presso la biglietteria del Teatro dove si potranno anche avere informazioni sulle facilitazioni applicabili a gruppi organizzati ( tel.:0382/371201 per i singoli; 371206 per i gruppi).Torna in alto

Presentazione degli Atti del "Processo al cioccolato: indagine semiseria su rischi e benfici del Cibo degli Dei"
Il giorno 12 ottobre (data della scoperta dell'America - scelta non casuale!) 2000 nell'Aula Foscolo del Palazzo Centrale dell'Università, Strada Nuova 65 - alle ore 18 saranno presentati gli Atti del "Processo al Cioccolato" tenutosi a Pavia nell'Aula Magna l' 11 aprile 1999. Contenuto Il volume raccoglie i contributi dei relatori al convegno pavese e vuole porsi in modo del tutto originale nel panorama editoriale, mantenendo nella sua struttura, l'impostazione processuale così come si era realizzata durante i lavori in Aula Magna che, come in un vero e proprio dibattimento, aveva visto sfilare davanti alla Alta Corte di Gola e Accidia i testi chiamati a esporre le loro tesi difensive o accusatorie nei riguardi del cioccolato. Gli interventi dei relatori sono stati allora tutti molto partecipati e coinvolgenti ed hanno suscitato tra i presenti non poco entusiasmo che oggi, anche a distanza di tempo, ben si comprende leggendo anche solo alcune parti del volume. In apparato è riprodotta l'iconografia sulla storia del cioccolato esposta in mostra al processo, dal significativo titolo " La storia infinita. Da cibo degli dei a cibo degli uomini". Una Appendice preziosa arricchisce il volume: è curata da Luigia Favalli, docente di Farmacologia ma per questa occasione soprattutto eccellente gastronoma ,e raccoglie ricette a base di cacao e cioccolato e alcune curiosità storiche legate all'imputato. A presentare il volume edito da Nonboso saranno chiamati i protagonisti dell'evento ( testi, membri della corte, goliardi etc) che illustreranno la loro esperienza "del dopo processo". Il volume è curato da Angelo Beretta, Renata Crotti e Luigia Favalli. Al termine dei lavori sarà offerto un golosissimo assaggio ovvero l'imputato sarà così dato in pasto ai presenti.Torna in alto

La politica intrernazionale in un seminario permanente 17 Ottobre 2000
Il Seminario Permanente di Politica Internazionale, organizzato dalla Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Pavia, è alla sua seconda edizione. Nel corso degli incontri, che si tengono mensilmente, studiosi e studenti si confrontano sui principali problemi della realtà internazionale attuale. Durante il primo incontro che si terrà il 17 ottobre alle ore 16,00 presso l'Aula Grande della Facoltà di Scienze Politiche e avrà come oggetto il petrolio e i suoi aspetti economici e politici, il prof. Giacomo Luciani dell'Istituto Universitario Europeo di Firenze terrà una relazione sul tema "Caro petrolio. Opec, compagnie e paesi consumatori fra mercato e politica", soffermandosi sulle ragioni che concorrono all'innalzamento del prezzo del greggio e illustrando le strategie degli attori nazionali e internazionali coinvolti nel mercato petrolifero. La relazione sarà discussa dai proff. Arianna Arisi Rota e Riccardo Fiorentini della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Pavia.
Torna in alto

Presentazione del restauro e dei ritrovamenti archeologici della chiesa dell'ex monastero di San Felice attuale sede della Facoltà di Economia della Università degli Studi di Pavia.
Venerdì 29 settembre 2000, alle ore 18, saranno presentati il restauro e i ritrovamenti archeologici della chiesa dell'ex monastero di San Felice, in Via San Felice 5. Insieme al Magnifico Rettore della Università degli Studi di Pavia prof. Roberto Schmid e al preside della Facoltà di Economia prof. Dario Velo sarà presente il Presidente della Fondazione CARIPLO avv. Giuseppe Guzzetti che concluderà la cerimonia dell'inaugurazione. La presenza del Presidente Guzzetti è da mettere in relazione al finanziamento che la Fondazione CARIPLO ha attribuito per la valorizzazione degli importanti e unici ritrovamenti archeologici. Il recupero dell'importante complesso architettonico ha consentito di attrezzare uno spazio importante per gli studenti della Facoltà di Economia che avranno a disposizione una sala lettura di grande bellezza. A illustrare l'evento sono stati chiamati il prof. Eugenio Gentili Tedeschi del Politecnico di Milano, che ha diretto il restauro architettonico, Anna Segagni Malacart, docente di Storia dell'arte medievale presso l'Ateneo pavese, il dr. Saverio Lomartire conservatore ai Musei Civici di Pavia che ha seguito il recupero delle tombe, la dott.ssa Rosanina Invernizzi della Soprintendenza archeologica della Lombardia che ha diretto lo scavo archeologico, il prof. Orio Ciferri del Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche per la Conservazione dei Beni Culturali oggi diretto da Anna Segagni.Torna in alto

Il Rettore Schmid eletto nel comitato di presidenza della CRUI
Il rettore dell'Università degli Studi di Pavia, prof. Roberto Schmid, è stato eletto membro del Comitato di Presidenza della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) per il biennio 2000-2001 Presidente della Conferenza è stato confermato Luciano Modica rettore della Università di Pisa. Con Il rettore dell'Università di Pavia sono stati eletti gli altri 9 membri costituenti il Comitato all'interno dei quali saranno scelti i vicepresidenti e il segretario generale:

  • Rinaldo Bertolino (Torino)
  • Giovanni Cannata (Molise)
  • Giuseppe Dalla Torre (Roma LUMSA)
  • Giovanni Marchesini (Padova)
  • Marco Pacetti (Ancona)
  • Oronzo Pecere (Cassino)
  • Sandro Pontremoli (Genova)
  • Roberto Schmid (Pavia)
  • Piero Tosi (Siena)
  • Salvatore Venuta (Catanzaro)

La CRUI promuove e sostiene le iniziative delle università ponendosi come luogo di sperimentazione dell'innovazione universitaria settori ritenuti di particolare importanza offrendo il proprio Know how e la conoscenza dei meccanismi universitari che sono così vari nel nuovo regime di autonomia. Le attività della Crui sono rivolte anche all'ambito internazionale, attraverso il dialogo sia con analoghe istituzioni presenti negli altri paesi , sia con organismi e associazioni internazionali di livello europeo e mondiale di cui fa parte. Ha anche recentemente avviato iniziative di confronto e di scambio di esperienze con le Conferenze nazionali dei rettori di vari paesi europei. Il Rettore Schmid ha commentato positivamente la sua nomina per la quale ha voluto sottolineare la forte richiesta di impegno che ne verrà soprattutto in un momento di forte transizione come è quello che caratterizza oggi il mondo universitario. Torna in alto

26-27 Ottobre 2000 Convegno: "La vita quotidiana nella modernità contemporanea: fra incertezza e responsabilità"
La sezione Vita quotidiana della Associazione Italiana di Sociologia (AIS) organizza per i giorni 26-27 ottobre 2000 a Pavia, Palazzo Centrale dell'Università, Strada Nuova, 65, un Convegno dal titolo "La vita quotidiana nella modernità contemporanea: fra incertezza e responsabilità". Si tratta di una iniziativa di respiro nazionale che dibatte un tema oggi al centro di una riflessione emersa in più convegni. Ripensare i nostri apparati concettuali - teorici e metodologici - per adeguarli alla radicale novità dei mutamenti sociali in corso, abbiamo pensato che fosse compito specifico della nostra Sezione quello di tornare a riflettere sul concetto di vita quotidiana. Si tratta di un concetto che appare problematico, nella misura in cui il dibattito sui caratteri attuali della modernità mette in primo piano temi, quali l'incertezza, la riflessività, la destrutturazione spazio-temporale. Tali caratteri sembrano difficilmente coniugabili con quello che è stato, per molto tempo, un indiscusso postulato nella definizione del concetto di "quotidiano": l'esistenza di una dimensione centrale dell'esperienza, caratterizzata dalla "sospensione del dubbio", da un agire orientato dalla prospettiva di un "mondo dato per scontato". Da questo problema teorico discendono, fra l'altro, numerosi interrogativi che già oggi la ricerca empirica ci propone, quando riflettiamo, ad esempio, sulle nuove modalità relazionali e comunicative che governano la vita quotidiana, o sulle strategie identitarie di soggetti esposti in modi, e con risorse, differenti alla ridefinizione dei tempi e degli spazi dell'esperienza individuale e collettiva. Tra i temi di dibattito nell'ambito dei workshops:
1. Soggetti e relazioni: incertezze, vulnerabilità, fiducia
Il primo workshop vorrebbe, innanzitutto, esplorare le tematiche concettuali legate alla costruzione delle identità, individuali e collettive, negli attuali scenari, con riferimento alle nuove forme dell'inclusione e dell'esclusione, ai cambiamenti della figura dello straniero. La riflessione sulla soggettività, nel contesto contemporaneo, ha a che fare con dimensioni non soltanto simboliche, ma anche di ordine strutturale legate alle questioni della vulnerabilità e con le diverse fonti di incertezza. Dall'altro vorremmo un aggiornamento della riflessione sul tema dell'identità, da parte di chi si è occupato, in termini di ricerca, di giovani, anziani, delle tematiche di genere, chiedendo loro di mettere in luce il rapporto tra i loro oggetti di ricerca con le tematiche della Vita Quotidiana.
2. Contesti: spazio e tempo e tecnologie
Il secondo workshop propone di analizzare come vengono ridefinite le coordinate spazio temporali della vita quotidiana e il ruolo giocato dalle tecnologie al loro interno. i processi per mezzo dei quali la tecnologia si inserisce nella vita quotidiana, ma anche di comprendere come il contesto sociale sia parte integrante dello stesso processo di realizzazione della tecnologia. Un processo che ridefinisce profondamente i concetti di spazio e tempo e le esperienze che di questi i soggetti realizzano nella vita quotidiana. Globalizzazione, locale, embedding/disembedding, società stretched, sono alcune delle parole usate in questo ambito sulle quali occorre una riflessione che metta al centro la prospettiva dell'esperienza dei soggetti nella vita quotidiana.
3. Differenza/differenze: percorsi biografici, generi, generazioni e culture
Il terzo workshop si presenta come un momento di confronto sui nuovi problemi di costruzione dell'identità alla luce delle differenti esperienze - generazionali, di genere e culturali - in relazione alle due dimensioni dell'incertezza e della responsabilità nella vita quotidiana. La dimensione della vita quotidiana diventa, da un lato, un'arena in cui vengono elaborati e messi in gioco differenti stili di vita e i codici simbolici connessi; dall'altro, si configura come lo spazio di messa in atto delle relazioni e dei rapporti tra i diversi soggetti.
Tutte le proposte di intervento all'interno dei gruppi di lavoro devono essere segnalate, unitamente ad una breve sintesi del contenuto dell'intervento, a: aisvq@ux1.unipd.it Torna in alto

80° Congresso della Società di Mineralogia e Petrologia
La Società Italiana di Mineralogia e Petrologia ha organizzato quest'anno a Pavia il suo 80° Congresso, in parallelo si svolgerà pure un Convegno del Gruppo Italiano AIPEA (Association Internationale pour l'Étude des Argiles). Entrambi i Congressi hanno richiamato più di 150 scienziati sia italiani che stranieri e si sono tenuti, con il Patrocinio della nostra Università, nell'Aula del 400 ed in Aula Scarpa dall 11 al 13 settembre. Sono stati trattati argomenti relativi allo studio di Geo-materiali, minerali e rocce che rappresentano risorse fondamentali sui quali si basa lo sviluppo di una moderna società. Le Scienze della Terra da sempre trasferiscono il loro bagaglio di conoscenze scientifico-tecnologiche nei campi del reperimento delle materie prime, della caratterizzazione chimica e mineralogica delle rocce e allo studio dei processi che coinvolgono materiali geologici durante la loro trasformazione industriale. Il progresso delle conoscenze è sempre stato accompagnato dallo sviluppo di tecniche analitiche sempre più precise e sofisticate. Per questi studi presso l'Università di Pavia si utilizzano delle "microsonde cristallochimiche" un termine che definisce strumenti in grado di localizzare la posizione degli atomi all'interno della struttura cristallina o di produrre analisi chimiche "puntuali", ossia su aree di dimensione inferiore a 50 micron. Questi studi avvengono presso il Dipartimento di Scienze della Terra e il Centro di Cristallografia e Cristallochimica della nostra Università che si sono dotati in questi ultimi anni di laboratori moderni e competitivi a livello internazionale. I risultati che si ottengono sono utili per ricostruire i processi geologici che hanno formato rocce e minerali sulla Terra e sugli altri Pianeti ma ricadute si hanno sulla progettazione di nuovi materiali. Quasi come una specie di "ingegneria mineralogica" che aiuta l'industria a riprodurre strutture cristalline naturali attraverso processi industriali per ottenere nuovi materiali di elevato valore tecnologico. Torna in alto

Master universitario in TECNICHE DI ANALISI MICROSCOPICA IN BIOLOGIA anno accademico 2000/2001
E' attivato per l'anno accademico 2000/2001 presso il Laboratorio di Biologia Cellulare del Dipartimento di Biologia Animale (Piazza Botta, 10 - 27100 Pavia), il Master Universitario in Tecniche di Analisi Microscopica in Biologia. Il Master prepara operatori della ricerca in campo biomedico in grado di utilizzare le diverse tecniche microscopiche, le tecnologie e gli strumenti di acquisizione di analisi e immagine per lo studio della biologia cellulare. Il Master è destinato ai laureati in: Scienze Biologiche, Scienze Naturali, Fisica, Chimica, Chimica e Tecnologie Farmaceutiche, Medicina e Chirurgia, Medicina Veterinaria. Il modulo d'iscrizione (disponibile anche sul sito web: http://www.unipv.it/webrel/post_laurea.htm) dovrà essere presentato entro il 16 ottobre 2000. Per informazioni tel.0382/504279.
Torna in alto

3° Congresso della Societas Herpetologica Italica (S.H.I.) La Societas Herpetologica Italica (S.H.I.) è un'associazione a carattere scientifico e didattico che promuove la ricerca di base e applicativa su Anfibi e Rettili, la diffusione delle conoscenze sull'argomento e la relativa divulgazione, la tutela delle specie e dei loro habitat. Il 3° Congresso Nazionale della Societas Herpetologica Italica si terrà a Pavia dal 14 al 16 settembre 2000 presso il Dipartimento di Biologia Animale dell'Università degli Studi di Pavia, Piazza Botta, 9/10. Il programma prevede numerosi simposi che riguardano morfologia e fisiologia, ecologia ed etologia, sviluppi metodologici, aree protette e conservazione, è prevista anche una sessione monografica su Salamandrina terdigitata. Tra le tante relazioni piace ricordare quella dedicata in ambito pavese alla collezione di serpenti del Museo di Storia Naturale dell'Università di Pavia e in ambito nazionale quella dedicata ai coccodrilli italiani. Il programma e altre informazioni sono disponibili online all'indirizzo: www.unipv.it/webbio/shi/ Torna in alto

Un Seminario Internazionale per far nascere il nuovo Museo della Tecnica Elettrica a Pavia
Il Museo della Tecnica Elettrica, proposto dall'Università di Pavia in occasione delle recenti celebrazioni per il bicentenario dell'invenzione della pila come omaggio permanente ad Alessandro Volta, è in fase di avanzata gestazione.
Tra breve sarà ultimato il progetto esecutivo della struttura. Non meno importante, tuttavia, è il progetto dell'allestimento della collezione.
Per guidare l'impostazione del nuovo Museo circa un anno fa è stato istituito un comitato direttivo internazionale composto da responsabili di musei scientifici e tecnologici, storici della scienza e della tecnica, esperti di gestione di beni culturali, responsabili di politiche culturali ed operatori culturali in genere.
Avvicinandosi il momento di affrontare la progettazione vera e propria delle esposizioni, il Centro di Ricerca per la Storia Elettrica operante presso l'Università di Pavia ha promosso un Seminario Internazionale sul tema "Musei in Europa per la Storia della Tecnica Elettrica".
Il Seminario fornirà l'occasione per dare una risposta alla domanda: perchè e come costruire oggi un Museo della Tecnica Elettrica?
Nell'arco temporale tra l'epoca di Alessandro Volta e quella attuale è iscritta una storia ricchissima di scoperte scientifiche e innovazioni tecnologiche legate all'affermarsi dell'elettricità come fluido vitale per il mondo moderno.
Il granmde entusiasmo e il fervore per la spinta della meccanica e, in particolare, dell'elettrotecnica allo sviluppo industriale della fine dell'Ottocento hanno portato alla nascita dei grandi Musei della Tecnica Elettrica in Europa, veri templi celebrativi del progresso scientifico e industriale, custodi dei capolavori dell'ingegnosità umana, proposti per l'ammirazione del pubblico.
Il modello di queste istituzioni è ancora adatto per rappresentare l'enorme e impetuosa crescita della conoscenza scientifica e tecnologica di oggi?
Visitare oggi un museo può limitarsi ad un viaggio all'indietro nella storia o deve essere anche un'occasione per riflettere sulla vita quotidiana così intrisa di scienza e di tecnologia?
Creare musei del passato o anche musei dell'attualità?
A discutere di questi temi sono stati invitati esperti internazionali, tra i quali, P. Brenni (Firenze), S. Jeszenszky (Budapest), F. Heilbronner (Muenchen), B. Bowers (London), A. Guagnini (Bologna).
Il Seminario avrà luogo martedì 12 settembre a partire dalle ore 10 presso l'Aula Volta dell'Università.Torna in alto

Riapertura delle immatricolazioni per gli studenti di ingegneria
Si accettano, eccezionalmente, le iscrizioni degli studenti che:

  • documentino di aver sostenuto il test di ammissione presso altra facoltà di ingegneria;
  • documentino di aver sostenuto, presso la nostra sede, il test di ammissione alla Facoltà di Medicina.

Sono accettate con riserva, infine, le immatricolazioni degli studenti che abbiano presentato con ritardo la relativa domanda. Per questi studenti si organizzerà una prova di ammissione non selettiva nel giorno 25/09/2000. Per ulteriori informazioni rivolgersi presso l'ufficio matricole tel. 0382.504931-2. Sono esclusi da questa iscrizione "tardiva" gli studenti che vogliano accedere al corso di laurea in ingegneria edile-architettura; per questi ultimi valgono tassativamente e improrogabilmente i termini stabiliti originariamente dal bando di concorso.Torna in alto

Scade l'11 settembre il termine per la domanda di ammissione alla Scuola Interuniversitaria Lombarda di Specializzazione per l'Insegnamento Secondario (SILSIS)
La Sezione di Pavia della Scuola Interuniversitaria Lombarda di Specializzazione per l'Insegnamento Secondario (SILSIS) comunica che è in scadenza (11 settembre 2000) il bando per l'anno 2000-2001, reperibile sulla pagina web dell'Università (www.unipv.it ), gli aspiranti troveranno in rete il modulo per l'iscrizione. Gli indirizzi attivati: Linguistico-letterario, Lingue straniere (francese ed inglese), Fisico-Informatico-Matematico, Scienze Naturali, Musica e Spettacolo, per un totale di 490 posti. Per informazioni rivolgersi a: tel:0382/539931 fax:0382/302113 - e-mail: psigalin@unipv.it Torna in alto

Per gli studenti iscritti all'Universirà di Pavia opportunità nei progetti di Tutorato
Sono aperti i termini per iscriversi alla selezione per studenti da impiegare come collaboratori nei progetti di Tutorato che verranno attivati presso le Facoltà di: - Economia - Giurisprudenza - Lettere e Filosofia - Scienze M.M.F.F.N.N. - Scuola di Paleografia e Filologia Musicale - Farmacia - Ingegneria - Medicina e Chirurgia - Scienze Politiche - Possono presentare domanda per diventare tutori gli studenti iscritti all'Università degli Studi di Pavia in possesso dei requisiti illustrati nel bando. Le collaborazioni saranno retribuite con un compenso netto di £ 20.000 per ora. Il bando è visibile alla pagina web http://cor.unipv.it sotto la voce Orientamento Intra (http://cor.unipv.it/section/intra/frame.html) e la data di scadenza delle domande è il 30 settembre 2000. Per informazioni rivolgersi al COR (Centro Orientamento Universitario - Orientamento intra) tel. 0382/504218-4296 Torna in alto

Via al 3° concorso tesi di laurea sul giornalismo
A ogni vincitore 5 milioni di lire - I candidati dovranno consegnare due copie della tesi entro il 31 dicembre 2000 - La cerimonia di premiazione a fine marzo 2001 al Circolo della Stampa
Milano, 18 luglio 2000. Promosso dal Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, prende il via la terza edizione del "Concorso" destinato a valorizzare le tesi di laurea dedicate al giornalismo e alle istituzioni della professione. Giudice insindacabile del Premio è lo stesso Consiglio dell'Ordine. Le tesi (in duplice copia e anche su dischetto in programma Word) dovranno pervenire alla segreteria dell'Ordine (via Appiani 2 - 20121 Milano) entro il 31 dicembre 2000. Potranno concorrere le tesi discusse nelle Università italiane (pubbliche e private) nel periodo gennaio-dicembre 2000. Le sezioni del Premio sono sei e ogni vincitore di sezione riceverà 5 milioni di lire. L'impegno finanziario dell'Ordine è, pertanto, di 30 milioni complessivi. La cerimonia della consegna avverrà in occasione dell'assemblea degli iscritti all'Albo dell'Ordine della Lombardia. La cerimonia, quindi, è prevista per il marzo 2001 al Circolo della Stampa. Estratti (di 400 righe) delle tesi premiate (e segnalate) verranno pubblicati su "Tabloid", organo mensile dell'Ordine dei Giornalisti della Lombardia. Per la valutazione delle tesi il Consiglio si avvarrà, come lo scorso anno, dell'opera di consulenti (giornalisti e professori universitari).
Queste le sezioni:
1) Storia del giornalismo italiano (testate e personaggi);
2) Storia del giornalismo europeo e nordamericano (testate, deontologia e personaggi);
3) Istituzioni della professione giornalistica in Italia, in Europa e nel Nord America. La deontologia e l'inquadramento contrattuale dei giornalisti in Italia, Europa e Nord America;
4) Professione giornalistica e sue specializzazioni anche telematiche e radiotelevisive;
5) Giornalismo economico e finanziario;
6) Giornalismo culturale, sociale, scientifico e altre specializzazioni. Torna in alto

Bando di ammissione per l'a.a. 2000-2001 della Scuola Interuniversitaria Lombarda di Specializzazione per l'insegnamento Secondario (SILSIS)
La Sezione di Pavia della Scuola Interuniversitaria Lombarda di Specializzazione per l'Insegnamento Secondario (SILSIS) ha aperto il bando per l'anno 2000-2001, reperibile sulla pagina web dell'Università (www.unipv.it ) Il bando rimarrà aperto due mesi, gli aspiranti troveranno in rete il modulo per l'iscrizione. Gli indirizzi attivati: Linguistico-letterario, Lingue straniere (francese ed inglese), Fisico-Informatico-Matematico, Scienze Naturali, Musica e Spettacolo, per un totale di 490 posti. Scadenza presentazione domande l'11 settembre 2000. Il primo anno di attività didattica della scuola è stato purtroppo segnato dall'incertezza sull'utilità del titolo di abilitazione ai fini dell'inserimento nelle graduatorie permanenti. Gli specializzandi di tutta Italia hanno a più riprese fatto sentire la loro voce di protesta presso i Provveditorati e il Ministero. Anche i docenti della Scuola hanno sollecitato una definizione rapida della vertenza che danneggia lo svolgimento sereno dei corsi. Un articolo inserito nel "Collegato alla finanziaria 2000" dovrebbe superare il problema assegnando alla prova finale della Scuola il valore di prova concorsuale. Restano comunque da precisare particolari non secondari, come le modalità della prova finale e la composizione delle commissioni: meno di un anno per mettersi d'accordo e per consentire ai primi abilitati del biennio 1999-2001 di guardare con una certa tranquillità alla prospettiva di un posto di lavoro. Dobbiamo sperare in tempi ministeriali veloci e nell'impegno del nuovo Ministro della Pubblica istruzione Tullio De Mauro, un linguista che ben conosce il mondo della scuola e che negli anni Settanta ha contribuito a mettere a punto e a diffondere il concetto di "Educazione Linguistica".Torna in alto

Firmata la convenzione tra l'Università degli Studi di Pavia e l'Università di Eberhard-Karls di Tubingen (una delle più prestigiose d'Europa) per il conseguimento di doppi diplomi
La convenzione riguarda la collaborazione nei seguenti settori :

  • a) programmi di studio comuni in Economia Aziendale ed Economia Politica per i loro studenti, con la possibilità di una doppia attestazione di conclusione degli studi universitari ( doppio diploma) ;
  • b) scambio di professori per organizzazione comune dell'insegnamento;
  • c) progetti comuni di ricerca, con particolare riguardo alle linee d'azione dell'Unione europea;
  • d) iniziative scientifiche comuni.

Le risorse finanziarie necessarie saranno reperite dall'Unione Europea ( es: SOCRATES) e, in particolare, attraverso la cooperazione internazionale fra la Regione Lombardia e Baden-Württemberg, nonché da altre istituzioni, nazionali ed internazionali. Torna in alto

Delegazione dell'Università di Tianjin in visita all'Università
Una delegazione di cinque rappresentanti dell'Università di Tianjin (Cina) domani sarà in visita alla nostra Università. La Delegazione è guidata dal Presidente, Dr Schan Ping; ne fanno parte anche il prof. Zhao Xueming, Preside della Facoltà di Chimica, il prof. Liu Changjun, Direttore del Laboratorio Nazionale di Ingegneria Chimica, il sig. Gong Zhenyu, Direttore dell'Ufficio di Presidenza dell'Università e la sig.a Yan Li, dell'Ufficio per la collaborazione internazionale. La Delegazione sarà ricevuta dal Magnifico Rettore, prof. Roberto Schmid e dal prof. Antonio Savini, delegato per le relazioni internazionali. Dopo l'incontro con il Rettore gli ospiti cinesi avranno l'opportunità di visitare l'università e i collegi universitari. L'Università di Tianjin è la più antica università della Cina ed è ai vertici della classifica delle più qualificate università cinesi. Essa mantiene rapporti di collaborazione scientifica con l'Università di Pavia fin dal 1987, quando fu firmato un Accordo di collaborazione scientifica, del quale è responsabile il prof. A. Savini. Nel corso degli anni l'Accordo ha prodotto una significativa attività di scambio di visite più o meno lunghe di docenti e ricercatori. Tra l'altro, un giovane ricercatore dell'Università di Tianjin, dopo una visita di oltre un anno presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica dell'Università di Pavia, per le pubblicazioni prodotte, tornato in patria, ha conseguito il titolo di professore. La Delegazione, proveniente da Roma, dopo la vista all'Università di Pavia, proseguirà per Milano.Torna in alto

Gratis a MilanoFilmFestival
Dall'11 al 17 settembre 2000 si terrà la V Edizione del MilanoFilmFestival. Agli studenti è offerta la possibilità di accreditarsi per assistere gratuitamente alle proiezioni. Per informazioni: www.milanofilmfestival.it.
ufficiostampa@aprile95.com (press office). Torna in alto

Incontro tra l'Università di Pavia e l'Università di Baghdad
Mercoledì 12 Luglio alle ore 12.00 presso l'Aula della Clinica Pediatrica (Policlinico "S. Matteo") il Pro Rettore per gli Affari Internazionali dell'Università di Baghdad, prof. Al Al-Dabbagh e il Preside della Facoltà di Medicina dell'Università di Baghdad, prof. A. Jarmookly terranno un incontro dal titolo: "Living and teaching in a country under blockade: the Iraqi experience". L'iniziativa, che si inserisce nell'ambito del progetto di cooperazione, stipulato il13/4/99 fra l'Università di Baghdad e l'Università di Pavia e finanziato dal MURST, si propone di contribuire ad ovviare alla totale mancanza di aggiornamento scientifico e didattico determinatasi nelle Università irachene a causa dell'embargo, con evidenti gravi conseguenze anche sul piano sanitario. Nel corso della riunione si prospetterà la possibilità, per i docenti della nostra Università, di partecipare al progetto di cooperazione, che prevede anche brevi ed intensivi stages di lezioni presso l'Università di Baghdad della durata di circa due settimane. Torna in alto

Prestigioso premio dell'Accademia Nazionale dei Lincei ad un giovane geologo pavese
Il premio, intitolato alla memoria del Prof. A. Schiavinato, professore di Mineralogia e Rettore dell'Università di Milano, è stato attribuito quest'anno al dott. Nicola Raffone dell'Università di Pavia per la migliore tesi di laurea in Geochimica. Nella sua tesi il dott. Raffone ha ottenuto importanti risultati scientifici nello studio geochimico di rocce che provengono da zone profonde del nostro Pianeta (profondità maggiori di 100 km). Questi studi hanno richiesto l'utilizzo di sofisticate analisi che sono possibili presso i laboratori ubicati nel Dipartimento di Scienza della Terra, uno dei pochi in Europa ad essere attrezzato con tali strumenti. Torna in alto

Sarà Fabrizio Del Noce l'ospite d'onore alla X Giornata del Laureato all'Università di Pavia
L'8 luglio, presso l'Università degli Studi di Pavia, si svolgerà la tradizionale "Giornata del laureato", ospite d'onore sarà FABRIZIO DEL NOCE, ex allievo dell'Ateneo pavese, giornalista di fama internazionale e inviato speciale della Rai, che illustrerà la propria esperienza di lavoro. Alle ore 19.30, presso il Cortile Teresiano dell'Università, avrà inizio la cerimonia di consegna dei diplomi ai laureati e ai diplomati "cum laude". Nell'occasione coloro che nell'anno accademico 1998/1999 si sono laureati o diplomati entro il 31 dicembre 1999 potranno ritirare il diploma presso l'Economato dell'Università, che rimarrà aperto dalle ore 9.00 alle ore 18.00. Torna in alto

Studenti dell'Università di Pavia in missione archeologica
L'Università di Pavia promuove la partecipazione degli studenti iscritti alla Facoltà di Lettere a campagne di scavi archeologici in Italia e all'estero.
Per missioni di scavo in Italia settentrionale il riferimento è costituito dagli insegnamenti archeologici della Facoltà (Archelogia e Storia dell'Arte greca e romana, Archeologia delle Province romane, Storia dell'Archeologia, Etruscologia).
Per missioni di scavo operanti in area vicino-orientale il riferimento è costituito dall'insegnamento di Storia del Vicino Oriente Antico. In particolare, l'Università di Pavia partecipa, attraverso una convenzione di collaborazione scientifica, alla missione archeologica di Terqa, in Siria, diretta dal Prof. O. Rouault dell'Università di Lione (responsabile per l'Università di Pavia, Prof. C. Mora).
Quest'anno sette studenti-laureandi in discipline oerientalistiche o archeologiche parteciperanno a questa missione archeologica di Terqa; altri quattro studenti o laureati parteciperanno ad altre missioni archeologiche in Siria e in Giordania.Torna in alto

Riapertura dell'Aula Foscolo e presentazione dell'ultimo volume della storia di Pavia
Mercoledì 28 giugno 2000 alle ore 17.00 riapre l'Aula Foscolo del Palazzo Centrale dell'Università dopo il recente restauro. Nell'occasione sarà presentato il quinto ed ultimo volume della "Storia di Pavia", edita dalla Banca Regionale Europea: "L'età moderna e contemporanea".
Come noto si tratta dell'aula storica cha ha visto la presenza di Ugo Foscolo docente di Retorica del nostro Ateneo che vi pronunciò la famosa prolusione "Dell'origine e dell'ufficio della letteeratura".
La figura del Foscolo è sempre stata molto legata all'Università pavese. Da tempo, grazie alla sensibilità sel rettore Schmid, sono state raccolte le migliori testimonianze della vita e dell'opera del poeta. Presso il Centro Manoscritti, grazie ad una straordinaria donazione sono oggi raccolti manoscritti e prime edizioni del Foscolo in numero e qualità tali da costruire la più completa e preziosa collezione foscoliana a disposizione degli studiosi.
Nel museo della Storia dell'Università di Pavia si trovano tracce del passaggio del Foscolo a Pavia. Nell'Aula Magna dell'Università la cattedra del Foscolo fa da pulpito per la lettura della prolusione di apertura dell'anno accademico. Il monumento del Foscolo destinato a Santa Croce a Firenze si trova ora nel Cortile delle Magnolie della nostra Università grazie alla donazione del nipote dello scrittore.
E' in questa atmosfera "foscoliana" che va collocato il restauro dell'Aula a lui dedicata.
Introdurranno:
Prof. Roberto Schmid
Magnifico Rettore dell'Università di Pavia
Prof. Avv. Mario Cera
Presidente della Banca Regionale Europea
Interverranno:
Prof. Emilio Gabba
Professore Emerito dell'Università di Pavia
Presidente della Società Pavese di Storia Patria

Prof. Antonio Padoa Schioppa
Professore Ordinario di Storia del Diritto Italiano Università Statale di Milano
Presidente dell'Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere

Prof. Franco Della Peruta
già Professore Ordinario di Storia del Risorgimento Università Statale di Milano
Prof. Carlo Maccagni
Professore Ordinario di Storia della Scienza e della Tecnica Università di PaviaTorna in alto

Visita all'Università di Pavia del Rettore della United Nation Università
Il 16 Giugno all'Università di Pavia sarà in visita Hans van Ginkel per 12 anni Rettore di Utrecht e da tre Rettore della United Nation University. Alle 14.30 terrà una conferenza al S. Caterina come closing lecture dell'ESAS in Cooperazione e Sviluppo dal titolo "Knowledge, the university and peace: towards a new international partnership".
Quattro anni fa alla conferenza di Nablus di PEACE aveva già svolto un ruolo di rilievo poi è diventato Rettore di UNU. UNU, sede principale a Tokyo ha una decina di centri di ricerca sparsi per il mondo. Dopo l'UNESCO è l'istituzione dell'ONU più importante per l'educazione universitaria. Van Ginkel ha contatti diretti con il Direttore Generale dell'UNESCO e di fatto coordina tutti questi centri di ricerca e formazione di UNU, dal Senegal alla Giordania, dalla Finlandia all'Olanda, è quindi una chiave di accesso importante per ognuno di questi centri. Inoltre in quanto Rettore di UNU è dentro tutta una serie di boards internazionali a livello di formazione universitaria. Obiettivo dell'incontro: avere un riconoscimento come istituzione universitaria di eccellenza, per l'appunto riconosciuta a livello di sistema ONU, il che aggiunge prestigio alla nostra Università e può aprire numerose possibilità di contatti e anche di finanziamenti futuri.
Saranno illustrati all'ospite:
o La struttura e le attività IUSS e i contatti internazionali (Tunisia, Costa Rica, Palestina).
o Il sistema dei collegi.
o Le attività internazionali della nostra Università e del gruppo di Coimbra (soprattutto il progetto di dottorato internazionale e le borse CICOPS).Torna in alto

A Graz le Università storiche d'Europa confermano il proprio impegno per il dialogo tra le culture
A distanza di un anno dal precedente incontro di Pavia, le principali università storiche d'Europa, riunite nel cosiddetto Gruppo di Coimbra, si sono nuovamente ritrovate a Graz dal 6 all' 8 giugno. L'appuntamento era già stato fissato prima dei recenti mutamenti nella situazione politica in Austria, mutamenti che hanno provocato non poche preoccupazioni anche negli ambienti accademici europei. Proprio a motivo di ciò, il Rettore dell'Università di Pavia, quale Presidente in carica del Gruppo di Coimbra, ha proposto ai Rettori delle altre università l'approvazione di un documento forte che riaffermasse la missione originale delle università, luoghi di tolleranza e di dialogo tra le varie culture. Il documento, chiamato Dichiarazione di Graz, è stato approvato dai Rettori o dai loro delegati presenti a Graz. Con questa iniziativa le università storiche d'Europa, richiamandosi alla loro antica tradizione, intendono contribuire all'inizio del nuovo millennio alla promozione della cultura del rispetto e della tolleranza nella società civile, anche nei momenti di difficoltà.
Dichiarazione di Graz

I Rettori (o i rappresentanti) delle Università di Aarhus, Barcelona, Bergen, Bologna, Bristol, Budapest, Cambridge, Coimbra, Dublin-Trinity, Edinburgh, Galway, Geneva, Goettingen, Granada, Graz, Groningen, Heidelberg, Jena, Krakow, Leiden, Leuven, Louvain, Montpellier, Oxford, Padova, Pavia, Poitiers, Praha, Salamanca, Siena, Thessalonikis, Turku/Abo, Uppsala, Wurzburg, riuniti a Graz in occasione della Assemblea Generale del Gruppo di Coimbra, l'Associazione delle università storiche d'Europa, indipendente da ogni autorità nazionale o internazionale, richiamando i principi della loro durevole missione, non sempre scritti esplicitamente nei loro statuti, ma certamente messi in pratica nella loro vita quotidiana, osservando che l'identità culturale europea è il risultato di una varietà di popoli e culture, consapevoli che la diversità delle tradizioni e delle esperienze rappresenta una ricchezza che è, a sua volta, una componente fondamentale del contributo che le università possono dare al progresso civile considerando i principi fondamentali della missione delle università e cioè la dignità della persona umana indipendentemente dalla razza e dalla religione, la libertà di ricerca e di insegnamento, la tolleranza, il dialogo e la collaborazione con tutte le culture, la resistenza a ogni sorta di centralizzazione e di discriminazione, prendendo atto che questi principi rappresentano un patrimonio comune e un capitale che deve essere conservato e tramandato, nell'avvicinarsi del nuovo millennio osservano che questo capitale è fragile ed in costante condizione di pericolo ad opera di vari movimenti politici e pertanto riaffermano con forza la loro missione, così come seppero fare sotto governi di vario tipo in tempi pacifici e travagliati, rifiutano l'intolleranza, la discriminazione e gli ostacoli alla collaborazione, ribadiscono la necessità vitale per le culture di conoscersi e influenzarsi reciprocamente esprimono il desiderio che la cultura europea fiorisca dentro le università, come risultato di una varietà di culture e tradizioni. Torna in alto

Tavola Rotonda sul tema: "La sicurezza alimentare mondiale: prospettive e strategie"
Nell'ambito del Master in "Cooperazione e Sviluppo", il giorno 13 c.m. alle ore 14,30 presso il Collegio S. Caterina, avrà luogo una Tavola Rotonda sul tema: "La sicurezza alimentare mondiale: prospettive e strategie". Relatori: prof. Carlo Bernini Carri (Università di Pavia): "L'attuale stato della sicurezza alimentare e i principali approcci teorici al problema"; dott. Enrico Casadei ( Divisione Alimentazione e Nutrizione della FAO): "Globalizzazione dei mercati e sicurezza alimentare"; dott. Luca Colombo (Associazione PASTA e rappresentante ONG a Ginevra): "Le preoccupazioni e le proposte della società civile in materia di sicurezza alimentare". Il seminario è aperto alla partecipazione delle persone interessate. Torna in alto

Andropausa Testosterone
Per la prima volta, quest'anno, sia l'Associazione Europea di Urologia (EAU), a Bruxelles, che l'American Association of Urology (AUA), ad Atlanta, hanno inserito più di una sessione dedicata all'Andropausa e, quindi, al Testosterone. Il significativo aumento universale della spettanza di vita media ha imposto, almeno alle Società cosiddette ricche, l'obbligo di considerare non solo il concetto di "spettanza di vita", ma anche quello di "spettanza di salute". I costi sociali e sanitari per la popolazione, sempre in aumento, degli ultrasessantenni diventeranno proibitivi con conseguenze socio-economiche insostenibili. La vera sfida per le infrastrutture politiche, sociali e sanitarie, nel prossimo secolo, sarà costituita, quindi, dai costi dei servizi di prevenzione e cura delle problematiche socio-sanitarie degli anziani. La promozione di un sano invecchiamento e la prevenzione, o la drastica riduzione della morbidità della terza età deve assumere, ed assumerà, un ruolo centrale nella formulazione delle politiche sociali e della salute di tutti i Paesi avanzati, non solo per una necessità passiva, ma anche per ridurre i costi della salute. Il medico, l'Industria Farmaceutica ed i mass-media giocheranno un ruolo primario in questo processo di conoscenza e responsabilizzazione. Con queste premesse in mente, la Scuola e la Cattedra di Urologia dell'Università di Pavia organizzano per venerdì 23 giugno, presso l'Aula Scarpa dell'Università di avia, un seminario internazionale su AGING MALE, TESTOSTERONE AND ANDROPAUSE.
Gli obbiettivi del seminario sono fondamentalmente tre:
1. chiarire i concetti scientifici e clinici che presiedono all'invecchiamento maschile;
2. definire e denominare la sindrome di Andropausa o ADAM (Androgen Deficiency of Aging Male) perché il Medico possa identificarla e curarla, eliminando tabù e confusioni, ancora molto diffusi nella classe medica;
3. richiamare l'attenzione degli Amministratori della Sanità sulla necessità di dedicare alla salute del maschio altrettanta attenzione di quella dedicata alla salute della donna.
Per questi motivi il Seminario è indirizzato non solo agli Specialisti del settore (Urologi, Andrologi, Psicologi, Endocrinologi, Geniatri, ecc.), ma anche a tutti i Medici, a tutti coloro che sono responsabili delle politiche socio-sanitarie, all'industria farmaceutica ed, infine, ai mass-media specializzati nell'informazione medica.
P.S. I giornalisti che volessero intervistare i Relatori, Nazionali o Internazionali, sono pregati di concordare con la Signora Claudia De Paoli, presso la fondazione A. Scarpa (tel./fax 0382.24330 e-mail: fascarpa@unipv.it) Torna in alto

Prima riunione interdisciplinare delle scuole di Specializzazione di Area Medica della Regione Lombardia
La Commissione Regionale di Medicina Interna, la Società Italiana di Medicina Interna Sezione Lombarda, i Direttori delle Scuole di Specializzazione di Medicina Interna della Lombardia, le Università di Pavia, Milano, Brescia e Varese, l'IRCCS Policlinico San Matteo hanno organizzato la prima riunione scientifica il 6 giugno a Pavia (la seconda in ottobre a Milano, poi a Brescia e poi a Varese) . Partecipano alla I° riunione scientifica del 6 giugno 2000 per collaborare alla realizzazione del TRONCO COMUNE voluto dall'U.E. e realizzato in tutta Europa, ma non in Italia le Scuole di Specializzazione in Medicina Interna, Gerontologia e Geriatria, Gastroenterologia, Oncologia, Nefrologia, Reumatologia, Allergologia ed Immunologia, Farmacologia, Tossicologia, Anestesiologia, Ematologia, Cardiologia, Pneumologia, Dermatologia delle Università di Brescia, Milano, Pavia e Varese. L'Assessorato Regionale alla Sanità e i Direttori delle Scuole di Specializzazione coinvolte hanno acconsentito alla sperimentazione di nuovi indirizzi di una politica sanitaria aperta all'Europa e economicamente vantaggiosa che deve partire dalla formazione degli specialisti. Sarà presenti tra gli altri il sottosegretario di Stato del MURST (Ministero della Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica) prof. Vincenzo Sica, professore universitario di Endocrinologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Torna in alto

XIII Riunione Nazionale "A.Castellani"
XIII Riunione Nazionale "A.Castellani" dei Dottorandi di Ricerca in Discipline Biochimiche" (Brallo di Pregola - Centro Estivo Universitario 6 - 9 giugno p.v.). Questa iniziativa si è andata progressivamente affermando nell'ambiente biochimico italiano e ad essa viene oggi riconosciuto un significato importante nell'ambito del percorso formativo dei dottorandi della Università di Pavia e di altre Università. Parteciperanno quest'anno alla Riunione circa 80 dottorandi, provenienti da tutta Italia, 34 dei quali presenteranno una relazione; docenti dell'Ateneo Pavese terranno lezioni su argomenti di frontiera della biochimica.
Torna in alto

Seminario "Energy and climate change policies for European industries"
Il giorno 19 Giugno dalle ore 2.15 pm alle 6 pm, presso l'aula Seminari-DIE al piano C della Facoltà di Ingegneria (Polo Cravino -via Ferrata, 1) la dr. Dian Phylipsen della Ecofys, società olandese di ricerca e consulenza nel campo energia-ambiente e rinnovabili, terrà un seminario dal titolo:
Energy and climate change policies for European industries
In seguito sia alla Convenzione sul Cambiamento del Clima sia al Protocollo di Kyoto (1997), i paesi industrializzati si sono sostanzialmente accordati per una limitazione o riduzione nelle emissioni di gas serra (GHGs). Come conseguenza sia i singoli governi che l'Unione Europea stanno attualmente lavorando sulla stesura di politiche e misure a supporto di questi obiettivi, che prevedono una riduzione delle emissioni inquinanti tramite un'incremento nell'efficienza energetica e un maggiore impiego delle rinnovabili. In questa presentazione verranno discusse le possibili politiche di successo, con attenzione particolare posta al settore dell'efficienza industriale, e verrà inoltre mostrato come valutare tale indice. Verrà presentato inoltre un confronto tra diversi paesi relativamente all'efficienza energetica sempre nel settore industriale. Dian Phylipsen lavora da oramai 7 anni nell' area delle problematiche legate al cambiamento del clima e dell'efficienza energetica, dapprima presso l'Università di Utrecht (Olanda) ed in seguito presso il Lawrence Berkeley National Laboratory (USA). Il suo lavoro copre le aree dei confronti internazionali, le politiche e misure dell'efficienza energetica in campo industriale per la riduzione delle emissioni di gas serra. E' stata membro del Gruppo Europeo sul Climate Change e ha lavorato per diverse Presidenze della UE. Ha recentemente terminato il dottorato discutendo una tesi intitolata :"International Comparisons and National Commitments; analysing energy and technology differences in climate change". La dr.Phylipsen occupa attualmente la posizione di Unit Manager dell'Unità "International Energy and Environmental Policy Studies" presso la società Ecofy Energy and Environment in Utrecht (Olanda).
Per ulteriori informazioni sul seminario:
Norma Anglani presso il DIE: nanglani@unipv.it; tel. 0382-505-253
Torna in alto

Master in Management Sanitario 1999-2000
Obiettivo: il Master in Management Sanitario si propone di formare specialisti in grado di entrare con successo nell'organizzazione sanitaria, ricoprendo incarichi di responsabilità in servizi e uffici di aziende sanitarie pubbliche o private. Esso rappresenta un programma culturale fortemente innovativo, nato dall'intersezione tra la cultura medica e quella economica, in stretta sintonia con la modernizzazione in atto nel nostro sistema sanitario.
Promotori: il master è organizzato dall'Università di Pavia, attraverso le Facoltà di Medicina e Chirurgia e di Economia, il Centro di Economia Sanitaria del Consorzio Pavese per Studi post-universitari e l'Almo Collegio Borromeo.
Destinatari: il master è destinato a medici che operano nelle aziende sanitarie o ospedaliere, preferenzialmente specialisti in igiene e medicina preventiva, e a laureati in discipline economico-giuridiche (Economia, Giurisprudenza, Scienze Politiche) che aspirano ad assumere posizioni direzionali di uffici e servizi nelle aziende sanitarie.
Durata e titolo: il Master in Management Sanitario ha durata biennale, la frequenza a tutte le attività teoriche e pratiche è obbligatoria. Alla fine del primo anno, agli iscritti che hanno svolto le attività previste, verrà rilasciato dal Direttore del Master un attestato di frequenza. Il possesso di tale attestato consente l'iscrizione al secondo anno, al termine del quale, superato un esame finale, verrà rilasciato il Diploma di Master in Management Sanitario.
Domanda di iscrizione: entro il 30 marzo 2000 presso la Ripartizione Pre-post laurea (Palazzo Centrale - Università di Pavia - C.so Carlo Alberto, 5 - Pavia tel.0382/504279). Per informazioni: Dipartimento di Medicina Preventiva, Occupazionale e di Comunità - Sezione di Igiene - (Viale Forlanini, 2 - tel: 0382507289 - fax: 0382/507558) o Consorzio Pavese per Studi Post Universitari (Viale Cesare battisti, 54 - tel: 0382/28097 - fax:0382/20577).
Il bando del master è disponibile su sito internet: www.unipv.it sotto la voce master e post laurea. Torna in alto

La Nutella in "analisi" per una tesi discussa all'Università di Pavia
Nata dalla fervida inventiva gastronomica di Piero Ferrero, nel 1946, la crema spalmabile oggi nota con il marchio registrato di Nutella è stata concepita per garantire al consumatore un prodotto economicamente più conveniente del cioccolato puro, sostituendo parte del cacao con la polvere ricavata da buone nocciole del Piemonte. Da allora la Nutella ha assunto nell'immaginario collettivo un ruolo importantissimo, e non solo per le sue caratteristiche di golosità e potere energetico. Dopo essere stata citata in numerosi articoli e libri di argomento gastronomico, socio-filosofico e di costume (oltre che in alcuni famosi film o trasmissioni televisive), la Nutella diviene ora oggetto di ricerca scientifica presso l'Università di Pavia. Alessandra Sapetti, laureanda in Farmacia, discuterà infatti nel pomeriggio, verso le ore 16,00 di lunedì 24 gennaio 2000 (Relatore il Preside della Facoltà, Professor Gabriele Caccialanza) la sua Tesi di Laurea che ha per titolo La Nutella in "analisi". Obiettivo dello studio, che si è avvalso di raffinate tecniche analitiche, come l'elettroforesi, è una precisa valutazione della qualità e quantità di importanti componenti nutrizionali della famosa crema. In relazione al tipo di nocciole impiegate è infatti possibile definire un profilo caratteristico di proteine che ne condizionano le caratteristiche alimentari. La Nutella si conferma così cibo altamente calorico ma ricco di proteine, grassi sani e altri nutrienti utili alla salute dei ragazzi e delle ragazze...di tutte le età. Doveroso, a questo punto, introdurre nella discussione una serie di considerazioni alla luce dei moderni concetti di Scienza dell'Alimentazione. Le conclusioni della ricerca, comunque, susciteranno sicuramente l'interesse dei golosi che amano una colazione o una merenda con pane e Nutella: i livelli di nutrienti così "analizzati" sono in linea con i LARN, i livelli di assunzione raccomandata dei nutrienti suggeriti dalla Società Italiana di Nutrizione Umana e dalla Organizzazione Mondiale della Sanità per una dieta ottimale.
Torna in alto

Un luogo nel mondo e nella storia: Palestina 8000 A.C.-2000 D.C.
Nell'ambito del ciclo di conferenze "Un luogo nel mondo e nella storia: Palestina 8000 A.C.-2000 D.C." organizzato dall'Università di Pavia (Centro Interfacoltà per la Cooperazioni con i Paesi in via di Sviluppo) il 10 aprile alle ore 17.30 in Aula Volta, Palazzo Centrale dell'Università, Paolo Matthiae, Professore di Archeologia del Vicino Oriente antico all'Universita' di Roma "La Sapienza", tiene una conferenza dal titolo "L'archeologia in Palestina tra storia sacra e storia critica". Il professor Paolo Matthiae è Direttore dal 1964 della missione archeologica di Ebla, in Siria. La scoperta di questa antica città (III millennio a.C.) è una delle scoperte archeologiche più importanti degli ultimi decenni, che ha rinnovato profondamente le nostre conoscenze sulle civiltà dell'antico Oriente. P. Matthiae è impegnato inoltre nello scavo e nella salvaguardia di siti palestinesi (in particolare Gerico, città di antichissima fondazione) ed è autore di numerosi volumi sulla scoperta di Ebla e sulla storia artistica della Siria e della Mesopotamia preclassiche. Torna in alto