ECONOMIC MODELS OF POLITICS
Stampa
Anno immatricolazione
2020/2021
Anno offerta
2020/2021
Normativa
DM270
SSD
SECS-P/01 (ECONOMIA POLITICA)
Dipartimento
DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI
Corso di studio
SVILUPPO ECONOMICO E RELAZIONI INTERNAZIONALI
Curriculum
PERCORSO COMUNE
Anno di corso
Periodo didattico
Primo Semestre (28/09/2020 - 11/12/2020)
Crediti
6
Ore
40 ore di attività frontale
Lingua insegnamento
Inglese
Tipo esame
ORALE
Docente
PUGLISI RICCARDO (titolare) - 6 CFU
Prerequisiti
Obiettivi formativi
Conoscenza
• capire come modelli matematici formali possano aiutare a comprendere la dinamica delle istituzioni politiche rappresentative;
• connettere il comportamento individuale degli agenti economici e politici alle variabili di carattere “macro” (aggregato)
Abilità
• capire le interazioni tra variabili economiche e politiche, e il ruolo giocato dal voto razionale dei cittadini
• analizzare le determinant politiche delle politiche economiche, con particolare attenzione allo stato sociale (redistribuzione monetaria e in forma specifica) e la fornitura di beni pubblici
• inserire nell’analisi dei processi politici l’influenza esercitata dai gruppi di pressione organizzati

Competenze
• acquisire l’abilità di analizzare in maniera indipendente gli aspetti economici e politici di istituzioni e scelte di policy specifiche, in particolare quelle che emergono dagli eventi di attualità
• analizzare e comprendere il contesto economico e politico come un sistema interconnesso, il quale fornisce incentivi, vincoli e opportunità a cittadini, imprese e enti non governativi.
Programma e contenuti
1. [se necessario] Una breve introduzione ai principali strumenti utilizzati in economia


2. Introduzione alla political economy

Presenterò l'approccio della political economy, che si basa sull'idea di indagare congiuntamente il comportamento degli individui
nella sfera economica e politica

3. Teorema dell'Elettore Mediano

Il teorema dell'elettore mediano è il cavallo di battaglia nei modelli di political economy.

4. Altri modelli di voto

Quando le ipotesi alla base del teorema dell'elettore mediano non reggono, altri modelli come il voto probabilistico, il modello citizen-candidate e i modelli di agenda setting sono in grado di offrire previsioni verificabili sui risultati di political economy.


5. Federalismo fiscale e lobbismo

Analizzeremo varie tipologie di decisioni collettive nell'ambito di una federazione, finalizzate all'allocazione della spesa pubblica a livello locale. All'interno di questo semplice modello introdurremo anche un gruppo di pressione, al fine di analizzare i suoi effetti sul risultato finale.

6. Redistribuzione intragenerazionale

Useremo il teorema dell'elettore mediano per indagare sulla redistribuzione intragenerazionale, che avviene attraverso una tassa sul reddito che finanzia un sussidio fisso dato a tutti i cittadini. In presenza di un bilancio in pareggio, i cittadini votano sull'aliquota fiscale ottimale.

7. Lo stato sociale

Analizzeremo i dati sullo stato sociale nei paesi sviluppati.
Metodi didattici
Il corso è basato su lezioni frontali di tipo tradizionale: la discussione con gli studenti degli aspetti di attualità è benvenuta, al fine di connetterli con i modelli analizzati durante il corso stesso.
Testi di riferimento
Il corso si basa sulle slide mostrate durante le lezioni. Un testo di riferimento è il seguente:
V. Galasso, “The Political Economics of Redistributive Policies”
Modalità verifica apprendimento
La verifica dell’apprendimento avverrà tramite un esame scritto, basato su alcune domande di carattere generale sui singoli temi affrontati, per cui tipicamente è richiesto di presentare i modelli discussi durante le lezioni.
Altre informazioni