STORIA DELLA FILOSOFIA DELL'ILLUMINISMO (C. P.)
Stampa
Anno immatricolazione
2018/2019
Anno offerta
2018/2019
Normativa
DM270
SSD
M-FIL/06 (STORIA DELLA FILOSOFIA)
Dipartimento
DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI
Corso di studio
FILOSOFIA
Curriculum
PERCORSO COMUNE
Corso di studio
Periodo didattico
Secondo Semestre (25/02/2019 - 05/06/2019)
Crediti
6
Ore
36 ore di attività frontale
Lingua insegnamento
Italiano
Tipo esame
ORALE
Docente
FRANCIONI GIOVANNI (titolare) - 6 CFU
Prerequisiti
Sono ammessi a sostenere l’esame gli studenti iscritti al corso di laurea specialistica/magistrale che abbiano già conseguito almeno 6 crediti di Storia della filosofia moderna
Obiettivi formativi
L’insegnamento introduce ai più importanti temi teorici e alle più significative correnti del pensiero illuministico, attraverso lo studio di scelte di testi e della bibliografia critica specifica.
Programma e contenuti
Montesquieu, il “modello inglese” e la tipologia dei governi. L’Esprit des Lois (1748) di Charles Secondat de Montesquieu costituisce il primo grande affresco della nascente "scienza della società" e un testo capitale del liberalismo e del costituzionalismo, destinato a imporsi rapidamente come il paradigma di riferimento delle teorie politiche dell'illuminismo fino alla Rivoluzione francese, pur dando luogo a letture diverse (da quelle in chiave moderata, che fanno leva sul "modello inglese", a quelle che, recuperando l''indagine minuziosa dedicata nell'opera alle repubbliche antiche, elaborano programmi di riforma che sconfinano nell'utopia). Il corso intende proporre una lettura critica dei principali concetti dell'opera, a partire dalla classificazione delle forme politiche imperniata sull'opposizione dispotismo-libertà, che Montesquieu sostituisce ai modelli universalistici della tradizione gius-contrattualistica, per indagare la realtà complessa degli Stati europei del tempo.
Metodi didattici
Lezioni frontali
Testi di riferimento
* Montesquieu, Lo spirito delle leggi, trad. it., prefazione di G. Macchia, introduzione e commento di R. Derathé, Milano, Rizzoli, 1989 (Classici della BUR), 2 voll., le seguenti parti (N.B.: la lettura del testo di Montesquieu deve essere accompagnata dalla lettura delle note di commento di Derathé, poste in fondo a ciascuno dei due volumi): G. Macchia, Prefazione, pp. 5-18; R. Derathé, Introduzione, pp. 41-63 («L'opera, i suoi aspetti principali e la sua influenza», §§ I-V); Avvertimento dell'Autore; Prefazione dell'Autore; Libri I, II, III, V, VI, VIII, XI, XII, XIV, XVII, XVIII, XIX, XXIX.
* L. Landi, L’Inghilterra e il pensiero politico di Montesquieu, Padova, CEDAM, 1981, pp. 23-88, 143-243, 244-332, 347-466, 514-632 (del volume è disponibile un pdf, da richiedere al docente).
* G. Francioni, Gli illuministi e lo Stato. I modelli politici fra utopia e riforma, Como-Pavia, Ibis, 2012.

N.B.: Gli studenti impossibilitati a frequentare le lezioni dovranno portare all'esame, oltre al testo e agli studi critici indicati sopra:
* D. Felice, Introduzione a Montesquieu, Bologna, Clueb, 2013, pp. 9-163 (pdf scaricabile all’indirizzo: http://www.montesquieu.it/biblioteca/Testi/Introduzione_montesquieu.pdf)
Modalità verifica apprendimento
Orale
Altre informazioni
Orale