BIOACUSTICA
2017/2018
2017/2018
DM270
BIO/05 (ZOOLOGIA)
DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA E BIOTECNOLOGIE "LAZZARO SPALLANZANI"
BIOLOGIA SPERIMENTALE ED APPLICATA
Biologia ambientale e biodiversità
SECONDO SEMESTRE (01/03/2018 - 14/06/2018)
6
48 ore di attività frontale
Italiano
ORALE
PAVAN GIANNI (titolare) - 6 CFU
Non sono richiesti prerequisiti particolari, tuttavia, trattandosi di materia altamente interdisciplinare con una componente anche tecnologica e informatica, è utile avere un approccio aperto a informazioni di diversa natura ed avere una minima predisposizione agli aspetti tecnologici che sono essenziali. Il corso si presenta anche come una occasione di partecipazione da parte di studenti di altri corsi di laurea quali fisica, matematica, oceanografia, e ingegneria elettronica.
Conoscenza della bioacustica e dell'ecoacustica, sia per gli aspetti teorici che applicativi.
Conoscenza del comportamento di comunicazione ed ecolocalizzazione negli animali, conoscenze di acustica ambientale, conoscenza dell'impatto del rumore di origine antropica sugli animali, conoscenza degli strumenti operativi per la ricerca e il monitoraggio ambientale, conoscenza delle problematiche di acustica relative alla conservazione e gestione dell'ambiente naturale e della fauna
Il corso è teso ad approfondire le conoscenze sul comportamento animale, sulla comunicazione acustica sia in ambiente terrestre che acquatico, nonché sui sistemi di monitoraggio acustico ambientale utilizzabili sia a fini di ricerca che di controllo e tutela dell'ambiente, soprattutto nel settore della bioacustica marina con gli studi sui mammiferi marini.
Si studiano i sistemi di comunicazione acustica in tutte le classi animali e l’ecolocalizzazione nei mammiferi (pipistrelli e cetacei), delineando gli specifici problemi scientifici e le linee di ricerca più innovative. A conclusione di una trattazione classica della bioacustica si esaminano gli aspetti dell’ecologia acustica quali la biodiversità acustica, il paesaggio sonoro e l’inquinamento acustico. Il corso affronta quindi i problemi tecnici legati alla ricezione, registrazione, analisi e misura dei suoni (dagli infrasuoni agli ultrasuoni), con particolare attenzione ai sistemi digitali più moderni, ma senza trascurare una visione storica dell’evoluzione degli strumenti. Il corso si conclude con gli aspetti applicativi della bioacustica quali ad esempio studi zoologici, censimenti, monitoraggio ambientale, interazioni uomo-animali, etofarmacologia e neuroscienze, robotica, inquinamento acustico. A complemento delle lezioni teoriche sono provati strumenti per registrare e analizzare i suoni sia in laboratorio che sul campo.
Il corso è integrato da lezioni e seminari di studiosi esterni nonché' da esercitazioni per l'uso di strumenti, sia hardware che software.
lezioni con supporto di slides in powerpoint
dimostrazioni di uso di software e strumenti
accesso a siti web specialistici
richiami alla letteratura scientifica in lingua inglese
Obrist M.K., Pavan G., Sueur J., Riede K., Llusia D. & Márquez R., 2010. Bioacoustic approaches in biodiversity inventories. In: Manual on Field Recording Techniques and Protocols for All Taxa Biodiversity Inventories, Abc Taxa, Vol. 8: 68-99.
Il documento è scaricabile gratuitamente da:
http://www.abctaxa.be/volumes/volume-8-manual-atbi/volumes/volume-8-manual-atbi/chapter-5/Chapter-5.pdf

Bradley D.L., Stern R., 2008. Underwater sound and the marine mammal acoustic environment. Guide to fundamental principles. US MMC: 1-67.
Il documento è scaricabile gratuitamente da:
http://www.mmc.gov/reports/workshop/pdf/sound_bklet.pdf

Altre letture integrative sono elencate alla pagina web http://www.unipv.it/cibra/edu_book_uk.html
Esame orale.
il corso affronta una materia altamente interdisciplinare che è di interesse anche per ingegneri elettronici, oceanografi, fisici e matematici.
Sono anche offerte tesi di laurea interdisciplinari.