ISTOLOGIA
Stampa
Anno immatricolazione
2016/2017
Anno offerta
2017/2018
Normativa
DM270
SSD
BIO/17 (ISTOLOGIA)
Dipartimento
DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA E BIOTECNOLOGIE "LAZZARO SPALLANZANI"
Corso di studio
BIOTECNOLOGIE
Curriculum
PERCORSO COMUNE
Corso di studio
Periodo didattico
Secondo Semestre (01/03/2018 - 14/06/2018)
Crediti
3
Ore
24 ore di attività frontale
Lingua insegnamento
Italiano
Tipo esame
ORALE
Docente
Prerequisiti
Elementi di base di Citologia, Chimica generale, Fisica e Biochimica
Obiettivi formativi
Al termine del corso lo studente dovrà conoscere:
- i metodi e gli strumenti dell’indagine morfologica (avendo compreso le basi di alcune procedure
analitiche per determinare le caratteristiche funzionali di diversi componenti cellulari e subcellulari)
- la morfologia delle cellule e dei tessuti dell’organismo umano e la loro organizzazione strutturale
ed ultrastrutturale
- il rapporto fra struttura e funzione delle cellule nei tessuti
- le popolazioni cellulari ed il loro differenziamento, le cellule staminali ed il loro comportamento, i
meccanismi di rinnovamento dei singoli tessuti.
Programma e contenuti
Metodiche e strumenti per l’indagine morfologica:
- Strumenti di indagine morfologica: IL MICROSCOPIO (microscopio ottico, elettronico, confocale, in fluorescenza,...)
- Preparazione del campione biologico: processi di fissazione, inclusione, taglio, colorazione
- Colorazioni istologiche di un “comune vetrino istologico stabile”; reazioni istochimiche ed
immunoistochimiche

Istologia: origine e natura dei tessuti; dalle cellule staminali al differenziamento cellulare.
Definizione di tessuto, organo, apparato. Giunzioni e specializzazioni di membrana. Classificazione e descrizione delle caratteristiche
morfofunzionali generali, sottolineando per ogni tessuto le importanti correlazioni STRUTTURA-FUNZIONE peculiari dei tessuti:
-EPITELIALI (in particolare, epiteli di rivestimento ed epiteli ghiandolari; cenni sugli epiteli sensoriali e particolarmente differenziati);
- CONNETTIVALI (connettivo propriamente detto, sangue, linfa, cartilagine, osso, tessuto adiposo);
- MUSCOLARE (muscolo liscio, muscolo scheletrico, muscolo cardiaco);
- NERVOSO.
Per tutti i tessuti viene descritta l'organizzazione morfologica e l'istoarchitettura in relazione agli aspetti fisiologici e alle attività funzionali cito-istologiche specifiche. Si fa riferimento anche alla presenza in tessuti adulti di nicchie istologiche di cellule con caratteristiche di staminalità.
Metodi didattici
Lezioni frontali del docente.
Le lezioni possono essere supportate, su richiesta dello studente, dall'osservazione individuale al microscopio ottico di vetrini istologici dei tessuti analizzati a lezione. Si tratta di esercitazioni volontarie guidate per imparare a descrivere un vetrino istologico, in co-presenza del docente.
Testi di riferimento
- Istologia, Ross M.H., Casa Editrice Ambrosiana
- Citologia ed Istologia, Casasco E. La Goliardica pavese
- Istologia, Monesi V. et al. Piccin
- Citologia ed Istologia funzionale, Calligaro A. Edi.ermes
- Istologia, Rosati P. et al. Edi.ermes
-Istologia, Junqueira. Piccin
Modalità verifica apprendimento
Esame scritto
Altre informazioni
nessun contenuto