SOCIOLOGIA DELLA MUSICA
Stampa
Anno immatricolazione
2019/2020
Anno offerta
2019/2020
Normativa
DM270
SSD
L-ART/07 (MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICA)
Dipartimento
DIPARTIMENTO DI MUSICOLOGIA E BENI CULTURALI
Corso di studio
MUSICOLOGIA
Curriculum
PERCORSO COMUNE
Anno di corso
Periodo didattico
Primo Semestre (23/09/2019 - 15/01/2020)
Crediti
6
Ore
36 ore di attività frontale
Lingua insegnamento
Italiano
Tipo esame
ORALE
Docente
GARDA MICHELA (titolare) - 6 CFU
Prerequisiti
E’ presupposta una buona preparazione generale in ambito filosofico e storico a livello della scuola secondaria superiore acquisita nel percorso scolastico oppure tramite letture personali.
Obiettivi formativi
I principali obiettivi del corso sono:
• approfondire la conoscenza delle principali prospettive sociologiche del Novecento per sviluppare la capacità di comprensione della relazione fra musica e società;
• padroneggiare in maniera autonoma, consapevole e approfondita gli strumenti concettuali acquisiti per elaborare discorsi e testi complessi e storicamente informati sul rapporto tra musica e società;
• migliorare le capacità comunicative padroneggiando termini specifici alla disciplina e consapevolezza della dimensione storica del discorso;
• promuovere le capacità di leggere e comprendere in maniera autonoma testi inerenti alla disciplina; leggere con autonomia di giudizio, confrontare e valutare testi attuali sulle principali questioni di sociologia della musica.
Programma e contenuti
Il corso sarà articolato in due parti. La prima sarà dedicata all’introduzione di alcuni testi e concetti chiave della sociologia della cultura in generale e della sociologia musicale del Novecento (Weber, Simmel, Durkheim, Adorno, Bourdieu, Becker, DeNora, Born). La seconda sarà dedicata al concetto di mediazione musicale in Adorno e alla discussione più recente su questo concetto (Hennion, Born, De Nora).
Metodi didattici
Lezioni frontali con una fase conclusiva di attività seminariale.
Testi di riferimento
TESTI DI RIFERIMENTO
– L. SAVONARDO, Sociologia della musica: la costruzione sociale del suono dalle tribù al digitale, Torino, UTET, 2010.
A piacere questo testo può essere affiancato da:

–The Routledge Reader on the Sociology, ed. by J. Shepherd -and K. Devine, New York – Abingdon, Routledge, 2015

Inoltre uno a scelta tra i volumi o gruppi di articoli indicati:
– Th. W. ADORNO, Introduzione alla sociologia della musica, Torino, Einaudi, 2002.
– Th. W. ADORNO, Current of Music: Elements of a Radio Theory, Frankfurt a. M., Suhrkamp, 2006.
– W. BENJAMIN, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica. Tre versioni, trad. di M. Baldi., a cura di F. Desideri, Donzelli, Roma, 2019.
– T. De Nora, After Adorno: Rethinking Music Sociology, Cambridge-New York, Cambridge University Press, 2010.
– A. HENNION, The Passion for Music: A Sociology of Mediation, trad. ingl. Margaret Rigaud, Farnham- Burlington, Routledge, 2015.
– G. BORN, On Musical Mediation: Ontology, Technology and Creativity, “Twentieth-Century Music” 2(2005), pp. 7-36; G. BORN and A. BARRY, Music, Mediation Theories and Act-Network Theory, “Contemporary Music Review “ 37(2018) no. 5–6, pp. 443–87.
Modalità verifica apprendimento
L’esame consiste in una prova orale individuale per accertare il conseguimento degli obiettivi formativi dell’insegnamento. Oggetto dell’esame sono i contenuti dei testi di riferimento e, limitatamente agli studenti frequentanti, i contenuti delle lezioni frontali. L’esame orale sarà preceduto dalla consegna di una breve relazione intorno ad un argomento concordato con la docente. Questa prova contribuisce concorre al 20% del voto complessivo di esame. La valutazione finale si basa sul grado di approfondimento e comprensione degli argomenti presentati e sulla capacità di integrare le conoscenze acquisite durante il corso.
Altre informazioni
AVVERTENZE
Gli studenti non frequentanti dovranno prendere contatto con la docente per definire il programma.