PALEOGRAFIA LATINA
Stampa
Anno immatricolazione
2019/2020
Anno offerta
2019/2020
Normativa
DM270
SSD
M-STO/09 (PALEOGRAFIA)
Dipartimento
DIPARTIMENTO DI MUSICOLOGIA E BENI CULTURALI
Corso di studio
MUSICOLOGIA
Curriculum
PERCORSO COMUNE
Anno di corso
Periodo didattico
Secondo Semestre (24/02/2020 - 09/06/2020)
Crediti
6
Ore
36 ore di attività frontale
Lingua insegnamento
ITALIANO
Tipo esame
ORALE
Docente
D'AGOSTINO MARCO (titolare) - 6 CFU
Prerequisiti
Non sono richiesti prerequisiti particolari, tuttavia, prevedendo il corso la lettura di specimina di scritture in lingua latina, è opportuno essere in possesso di una conoscenza elementare della lingua.
Obiettivi formativi
Fornisce la conoscenza della storia della scrittura nella lingua latina e in volgare dalle origini al Rinascimento, con particolare riguardo all’Italia. Sviluppa altresì le competenze necessarie a leggere e valutare criticamente le scritture in alfabeto latino con prevalente riferimento alle sue espressioni librarie; nonché a collocare in modo appropriato le testimonianze manoscritte nei processi storici e culturali nell’ambito dei quali si sono verificate le trasformazioni morfologiche della scrittura. Al termine del corso gli studenti sono in grado di leggere le principali scritture latine librarie dell’alto medioevo, di riconoscere e inquadrare storicamente tutte le scritture librarie dalle origini al Rinascimento.
Programma e contenuti
Storia della scrittura latina dalle origini al Rinascimento.
Il corso prevede lezioni teoriche dedicate alla storia della scrittura e ai metodi dell’ analisi paleografica; sono previste lezioni pratiche, durante le quali si leggeranno pagine di manoscritti medievali, riprodotti in facsimile, e se ne analizzeranno le caratteristiche grafiche con riguardo anche ai segni diacritici, interpuntivi e ai sistemi abbreviativi propri delle scritture medievali.
Metodi didattici
Il corso è organizzato in lezioni frontali teoriche e pratiche. Durante il corso vengono di solito organizzate alcune visite di studio presso le più importanti biblioteche del territorio italiano (Angelica di Roma, Laurenziana di Firenze, Capitolare di Verona, Marciana di Venezia, Ambrosiana di Milano, ecc.), al fine di far conoscere alcuni dei preziosi codici custoditi in tali biblioteche. Delle istituzioni di conservazione visitate sarà ogni volta illustrata la storia della formazione dei loro preziosi fondi manoscritti. Per la rilevanza dell’aspetto pratico della disciplina, la frequenza delle lezioni è particolarmente raccomandata a tutti gli studenti.
Testi di riferimento
P. Cherubini, La scrittura latina: storia, forme, usi, Roma, Carocci, 2019
Modalità verifica apprendimento
Esame orale volto ad accertare le competenze acquisite dallo studente, che dovrà dimostrare di saper leggere le principali scritture latine librarie dell’alto medioevo e di essere in grado di riconoscere tutte le scritture librarie anteriori all’avvento della stampa; lo studente dovrà inoltre dimostrare di conoscere e di saper esporre in modo linguisticamente corretto la storia della scrittura latina dalle origini al Rinascimento, provando in tal modo di aver raggiunto gli obiettivi formativi del corso
Altre informazioni